FAVOLE DI ESOPO

Raccolta delle favole di Esopo, il grande scrittore favolista greco, l'inventore della favola.



CHI ERA ESOPO?
Esòpo fu un favolista greco, originario della Frigia e vissuto nel VI sec. a.C.
Secondo la tradizione, iniziatore del genere letterario della favola: gli si attribuisce un corpus di circa 500 favole, che ci è giunto in diverse redazioni di epoca ellenistica.
Si tratta di piacevoli scene di vita, nelle quali introdusse spesso a parlare, oltre che uomini, anche animali e piante, e che in forma allegorica trattano temi cari alla morale popolare.
Furono largamente imitate poi nelle letterature classiche.
La sua vita fu circondata di leggende: sembra che fosse storpio e deforme e che sia stato condannato a morte (fu gettato dalla rupe lampea) per sacrilegio, poiché aveva deriso gli abitanti di Delfi che traevano auspici dal loro oracolo.

  Ci sono 102 favole di Esopo

  IL FABBRO E IL SUO CANE
Un fabbro aveva un cane che continuava a dormire mentre lui lavorava; appena però si metteva a tavola, se lo trovava al fianco.
-Brutto poltrone-, gli disse, gettandogli un osso, -dormi quando io batto l'incudine; ma basta...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL GRACCHIO E I CORVI
Un gracchio che era più grosso di tutti gli altri, disprezzando i compagni della sua razza, se ne andò in mezzo ai corvi, e pretendeva di vivere con essi.
Ma quelli, che non conoscevano nè la sua faccia nè la sua voce, lo picch...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL GRACCHIO E LA VOLPE
Un gracchio affamato s'era posato su un fico e, trovati dei piccoli fichi ancor acerbi, aspettava che diventassero grossi e maturi.
La volpe che lo vedeva continuamente là fermo, quando ne seppe il motivo, gli disse: -Car...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL GRANCHIO E LA VOLPE
Un granchio, uscito fuori dal mare, se ne viveva solo soletto su una spiaggia.
Lo scorse una volpe affamata e, visto che non aveva proprio nulla da mangiare, gli saltò addosso e lo afferrò.
-Questa me la son proprio meritat...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL GRANCHIO E SUA MADRE
La madre del granchio lo ammoniva a non camminare di traverso e a non sfregare il fianco contro la roccia umida.
E quello: -Mamma, se vuoi che impari, cammina dritta tu, e io, vedendoti, farò come te-.

Chi vuol rimprover...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL LEONE CHE EBBE PAURA D'UN TOPO E LA VOLPE
Mentre il leone dormiva, un topo gli fece una corsa su per il corpo.
Quello si destò e si girava da tutte le parti per cercare quel che gli era venuto addosso.
La volpe, a quella vista, prese a canzonarlo perchè lui, che era...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL LEONE E IL TOPO RICONOSCENTE
Un topolino correva sul corpo di un leone addormentato, il quale si svegliò e, acchiappatolo, fece per ingoiarlo.
La bestiola cominciò a supplicare di risparmiarlo e a dire che, se ne usciva salvo, gli avrebbe dimostrata la sua...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL LEONE E L'ASINO CHE ANDAVANO A CACCIA INSIEME
Fatta società, il leone e l'asino uscirono insieme a caccia.
Giunti dinanzi ad una caverna dove c'erano delle capre selvatiche, il leone si fermò davanti all'entrata per prenderle a mano a mano che uscivano, ment...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL LEONE E L'ONAGRO
Il leone e l'onagro andavano a caccia di bestie selvatiche, il leone mettendo a profitto la sua forza, e l'onagro la velocità delle sue gambe.
Quando ebbero catturato una certa quantità di selvaggina, il leone fece le...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  IL LEONE INFURIATO E IL CERVO
Un leone era infuriato.
-Poveretti noi!-, disse un cervo, scorgendolo di tra le piante del bosco, -che cosa mai non farà, ora che è su tutte le furie, costui, che noi non riuscivamo a sopportare nemmeno quand'era in buona?...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA



« Pag.prec  1  2  
3
 4  5  6  7  8  9  10  11   Pag.succ» Ultima »»
Stai visualizzando la Pagina  3  su   11 pagine totali
  Torna alla Home
 
:: PRIVACY :: SCRIVICI ::
Il materiale contenuto nel presente sito www.FiabeBambini.it è di proprietà dei rispettivi autori. E' possibile richiedere la rimozione di testi o immagini scrivendo alla redazione di FiabeBambini.it. Eventuali video non sono contenuti sul nostro sito ma vengono linkati da siti esterni.