FAVOLE DI ESOPO

Raccolta delle favole di Esopo, il grande scrittore favolista greco, l'inventore della favola.



CHI ERA ESOPO?
Esòpo fu un favolista greco, originario della Frigia e vissuto nel VI sec. a.C.
Secondo la tradizione, iniziatore del genere letterario della favola: gli si attribuisce un corpus di circa 500 favole, che ci è giunto in diverse redazioni di epoca ellenistica.
Si tratta di piacevoli scene di vita, nelle quali introdusse spesso a parlare, oltre che uomini, anche animali e piante, e che in forma allegorica trattano temi cari alla morale popolare.
Furono largamente imitate poi nelle letterature classiche.
La sua vita fu circondata di leggende: sembra che fosse storpio e deforme e che sia stato condannato a morte (fu gettato dalla rupe lampea) per sacrilegio, poiché aveva deriso gli abitanti di Delfi che traevano auspici dal loro oracolo.

  Ci sono 102 favole di Esopo

  LE CHIOCCIOLE
Un contadinello faceva arrostire delle chiocciole e, sentendole crepitare, diceva: -Brutte bestie, mentre le vostre case bruciano, voi vi mettete a cantare-.

La favola mostra che tutto quel che si fa fuori tempo è biasimevo...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  LE MOSCHE
In una dispensa s'era versato del miele.
Le mosche, accorse, se lo succhiavano, e la dolcezza era tale che non sapevano staccarsene.
Quando però le loro zampe vi rimasero impigliate e, incapaci di levarsi a volo, esse s...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  LE RANE CHE CHIESERO A UN RE
Le ranocchie, stanche di vivere senza alcuno che le governasse, mandarono ambasciatori a Zeus, pregandolo di largire loro un re.
E Zeus, vedendo la semplicità dell'animo loro, buttò giù nello stagno un pezzo di legno.
A...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  LE RANE DEL PANTANO
Due rane, abbandonato il pantano dove abitavano, perchè nell'estate s'era prosciugato, andavano cercandone un altro.
Capitarono presso un profondo pozzo, e una di esse, quando lo vide, disse all'altra: -Ehi, tu! ...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  LE RANE VICINE DI CASA
Due ranocchie erano vicine di casa: una abitava in stagno profondo e discosto dalla strada, l'altra in una pozzanghera sulla strada stessa.
Quella dello stagno consigliava l'altra a trasferirsi da lei, per godere una ...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  LE VESPE, LE PERNICI E IL CONTADINO
Vespe e pernici, afflitte dalla sete, andarono da un contadino a chiedergli da bere, promettendo che, in cambio l'acqua, gli avrebbero resi questi servizi: le pernici, di zappargli la vigna, e le vespe, di tener lontani i la... CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  LE VOLPI SUL MEANDRO
Un giorno un branco di volpi si radunò sulle rive del fiume Meandro per abbeverarsi.
Ma, per quanto si esortassero a vicenda, non osavano scendere, intimorite dallo scroscio della corrente.
Allora una di esse venne fuori a s...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  PROMETEO E GLI UOMINI
Obbedendo a un ordine di Zeus, Prometeo plasmò gli uomini e le bestie.
Ma quando Zeus si accorse che le bestie erano molto più numerose degli uomini, gli ordinò di disfare un po' di bestie per ridurle a uomini.
Prometeo...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  ZEUS E APOLLO
Zeus e Apollo disputavano sul tiro dell'arco.
Apollo tese il suo arco e scoccò una freccia.
Ma Zeus allungò un piede, ed eccolo là dove era diretta la saetta d'Apollo.
Così a combattere con i più forti, non sol...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA

  ZEUS E GLI UOMINI
Zeus, quando ebbe plasmati gli uomini, ordinò a Ermes di versarvi dentro l'intelligenza.
E quello, fatto un misurino uguale per tutti, cominciò a versarla in ognuno essi.
Capitò così che agli uomini piccolini, la loro ...
CONTINUA A LEGGERE LA FAVOLA



«« Prima Pag. « Pag.prec  2  3  4  5  6  7  8  9  
10
 11   Pag.succ»
Stai visualizzando la Pagina  10  su   11 pagine totali
  Torna alla Home
 
:: PRIVACY :: SCRIVICI ::
Il materiale contenuto nel presente sito www.FiabeBambini.it è di proprietà dei rispettivi autori. E' possibile richiedere la rimozione di testi o immagini scrivendo alla redazione di FiabeBambini.it. Eventuali video non sono contenuti sul nostro sito ma vengono linkati da siti esterni.