BIOGRAFIA DI GUIDO GOZZANO: Informazioni sulla vita, con descrizioni delle sue opere letterarie. La storia, la vita le opere del grande scrittore italiano.

MENU' FAVOLE
Significato della favola
Favole sul Natale
Favole natalizie classiche, su Babbo Natale e albero di Natale
Foto di Gozzano Guido
Gozzano Guido, poeta italiano nato ad Agliè (Torino) nel 1883 e morto nel 1916.
Si laureò in legge a Torino, senza mai esercitare; ottenne presto successo nel mondo letterario con la collaborazione a riviste e poi con la pubblicazione della Via del rifugio(1907) e dei Colloqui(1911), in cui dava voce alla stanchezza e sazietà malinconica succeduta al vitalismo dei poeti-vati, e al tentativo d'ironica reazione ai miti dannunziani.
L'influsso dei decadenti francesi (Verlaine, ma soprattutto Jammes, Maeterlinck, Samain) e anche dello stesso D'Annunzio, specie del Poema paradisiaco, è certo avvertibile nella sua poesia, dove i temi del crepuscolarismo, di cui egli fu uno dei maggiori (ma anche più personali) rappresentanti, trovano espressione in un discorso poetico pervaso di tenera autoironia, volutamente dimesso e prosastico, ma sempre filtrato attraverso una vigile e raffinata attenzione letteraria.
La tubercolosi, che doveva portarlo alla morte in giovane età, accentuava il suo atteggiamento di distacco e di proclamata aridità, che era insieme amore della vita e coscienza di esserne escluso, inducendolo al vagheggiamento di una vita diversa, semplice e borghese, quale quella di un mitico Piemonte ottocentesco, con i suoi ambienti casalinghi, le "buone cose di pessimo gusto", che costituisce lo sfondo delle sue più note poesie.
Le impressioni e i ricordi di un viaggio in India, compiuto nel 1912 nel tentativo di riacquistare la salute, gli ispirarono le pagine di Verso la cuna del mondo, dove si precisano le sue doti di prosatore già attestate nei racconti, riuniti postumi nelle raccolte L'Altare del passato (1918) e L'ultima traccia(1919).
Ha lasciato anche un poemetto didascalico incompiuto, Le farfalle, fiabe e rime per bambini.
Il suo epistolario amoroso con Amalia Guglielminetti (Lettere d'amore) è stato pubblicato nel 1951.
Tra le pubblicazioni postume meritano di essere segnalate La moneta seminata (1968, testi inediti a cura di F. Antonicelli), Poesie (a cura di E. Sanguineti, 1973), Tutte le poesie (1980, a cura di Andrea Rocca).


 
:: PRIVACY :: SCRIVICI ::
Il materiale contenuto nel presente sito www.FiabeBambini.it è di proprietà dei rispettivi autori. E' possibile richiedere la rimozione di testi o immagini scrivendo alla redazione di FiabeBambini.it. Eventuali video non sono contenuti sul nostro sito ma vengono linkati da siti esterni.